L’Abc di Beppe Grillo spiegato in un saggio

Prendere 20 autori, tra i più brillanti in circolazione, e affidargli l’analisi sul fenomeno politico degli ultimi anni, partendo dalle lettere dell’alfabeto.

Il giornalista Marco Laudonio (La Stampa, il Sole 24 Ore) e il docente Luiss ed editorialista Massimiliano Panarari (La Stampa, Europa) hanno così costruito un’opera preziosa per capire il Movimento 5 Stelle cominciando da un titolo semplice ed evocativo allo stesso tempo Alfabeto Grillo – dizionario critico ragionato del Movimento 5 Stelle edito da Mimesis.

La lettura è così facilitata dalla divisione in capitoli per lettera. Non bisogna seguire per forza l’ordine delle pagine: si tratta di uno schema che richiama molto l’uso del web e della mentalità 2.0, di cui Beppe Grillo si fregia costantemente.

Una qualità straordinaria del testo riguarda la varietà delle firme: si va da prestigiosi docenti universitari, come Sara Bentivegna (La Sapienza) e Michele Sorice (Luiss), a giornalisti come Francesco Costa, Marco Bracconi e Mario Lavia.

Gli argomenti sono vari e ovviamente tutti legati alla natura del M5S: dalla “A” di Ambiente alla “Z” di Zeitgeist vengono esaminati pregi e difetti di un fenomeno che, comunque la si voglia vedere, ha rivoluzionato il quadro politico italiano, imponendosi come un attore tutt’altro che marginale (basti pensare al sorpasso immaginato da Grillo alle ultime Europee).

Per questo il merito di Laudonio e Panarari è doppio: consegnano al lettore uno strumento fondamentale di orientamento, permettendo una lettura agevole.