Sondaggi, no la Lega non è in crescita, il M5s forse. Cala Fratelli d’Italia

Il caso Lega-Russia non sembra lasciare tracce nei sondaggi

La media dei sondaggi pubblicati questa settimana da Swg, Tecnè, Gpf, Piepoli, Termometro Politico e Ipsos, segna un arretramento dello 0,3 per cento rispetto alla settimana scorsa per la Lega.

Nessun terremoto quindi dopo il ‘ caso Russia’, ma neppure un rimbalzo come molta stampa riporta. I valori di questo partito oscillano tra l’entusiastico 37,9 del Termometro Politico e il 33,7 di Gpf, un dato quest’ultimo, decisamente fuori dal coro.

Il PD rimane stabile rispetto al risultato delle Europee, 22,7% ma vi è il rischio di un calo a causa della propaganda negativa creata sui social, non senza fake news, sui fatti di Bibbiano.

La sorpresa della settimana è il M5s al 18,5 %, con un trend leggermente positivo per molti sondaggi, culminante nel 23,7% di Gpf, più di sei punti sopra i dati di Termometro e Tecnè (17,1 e 17,3). Va detto che quella di Gpf è una rilevazione non spalmata sui risultati delle Europee del 26 maggio scorso.

Forza Italia è al 7,4% e Fratelli d’Italia al 6,2%, in discesa in molti sondaggi, addirittura al 5,5 % per Piepoli. Tra i partiti minori si segnala il 3,5 attribuito da Ipsos a +Europa che nella media è al 2,7%.

Media sondaggi settimanale

LEGA 36,4%
PD 22,7 %
M5S 18,5%
FI 7,4%
FDI 6,2%
+EUROPA 2,7 %
VERDI 2 %
SINISTRA 1,7%