Bagarre alla Camera: i deputati salgono sui banchi, rissa Sel-Pd

Pubblicato il da

Uno dei momenti della rissa tra Sel e Pd

La seduta notturna alla Camera dei Deputati è stata nuovamente animata da forti tensioni tra maggioranza e opposizione. Tutto succede in pochi minuti. I deputati M5S , in polemica con il Pd per i tempi stretti dati alla discussione, iniziano a rumoreggiare per impedire ai loro colleghi della maggioranza e di Sel di intervenire in Aula. L’azione dura diversi minuti, fino a che Giachetti, che in quel momento stava presiedendo la seduta, inizia ad espellere alcuni deputati stellati.

Alla ripresa dei lavori il M5S ha iniziato a battere i faldoni della riforma costituzionale sui banchi, urlando di continuo “onestà, onestà”. E’ a questo punto che Giachetti ricorda che “solo nei tempi fascisti non si poteva esprimere la propria opinione”.

Il problema si ripresenta anche in seguito. Quando a parlare non è un esponente della maggioranza, ma Arturo Scotto di Sel. Il deputato di Sinistra e Libertà prima ringrazia, con sarcasmo, i colleghi grillini che impediscono di parlare “anche all’opposizione”, poi si rivolge ai vicini di banco del PD per il “capolavoro che avete combinato”. Di lì, a poco, la degenerazione della seduta: urla, spintoni e deputati che scalano i banchi dell’Aula. Arriva una nuova e doverosa sospensione dei lavori, che però non ha impedito ai microfoni di intercettare insulti e imprecazioni.

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...