Tuscia Film Fest: tornano i Maritozzi con lo spettacolo su Chinaglia

Pubblicato il da

Tornano a distanza di un anno dalla loro ultima apparizione nel viterbese, stavolta sul palco del Tuscia Film Fest, i “Maritozzi”, triade composta da un avvocato, un professore delle superiori e un giornalista abituata a lavorare sul racconto di quel che era e non c’è più, se non nei frammenti di memoria.

L’appuntamento è per sabato 12 luglio alle 23,30, Piazza della Morte, suggestivo angolo del capoluogo a due passi dal Duomo.

L’ultima volta a Viterbo, i tre proposero “Italia-Brasile ’82”, cui partecipò fra il pubblico anche Paolo Rossi; stavolta invece il trio narrerà vita e sregolatezza di Giorgio Chinaglia, simbolo di un’epoca irripetibile, e non solo per le generazioni che hanno scavalcato gli “anta”. “Andiamo, Chinaglia, andiamo!” ha la capacità di riportare la mente indietro nel tempo – non solo quella del tifoso laziale – fra un amarcord, un aneddoto, un’istantanea veloce.

Autori e interpreti l’avvocato Alessandro Tozzi, il “prof” Antonello Ricci e il giornalista Massimiliano Morelli si alternano nel racconto senza usare né abusare con gli effetti speciali.

E’ un racconto da ascoltare, quasi fosse una favola. Sì, una favola, perché quando la vita di tutti i giorni appare come irrealtà, non si può che correggere il tiro e raccontar parabole che somigliano a frottole e che invece sono storia vera.

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...