Pagare il canone Rai per non vedere Germania – Francia…

Pubblicato il da

Sarà qualunquista, populista e pure banale, ma è davvero scandaloso che la Rai non faccia vedere la diretta di Germania-Francia. La partita è la più interessante, per tradizione, dei quarti di finale del Mondiale 2014 (qui la presentazione “fotografica” delle gare in programma), eppure il “servizio pubblico” non può perché non detiene i diritti.

Gli italiani che desiderano vedere il big match devono rassegnarsi e magari cercare un locale in cui assistere allo spettacolo. La riflessione sul pagare il canone e non poter usufruire di un quarto di finale di una Coppa del Mondo è stata ovviamente proposta a profusione sui social network, con una serie di ironie ma anche di frasi piuttosto arrabbiate.

La Rai non ci avrebbe guadagnto?

Che i tempi di spending review colpiscano tutti, è un fatto ormai assodato e da cittadini fa anche piacere. Per esempio l’abolizione dell’opinionista durante gli incontri è passata inosservata, anzi è stata molto gradita: il “commentatore” è spesso messo al fianco del telecronista per riempire i “vuoti”.

Basta che il giornalista sia bravo per evitare che ci sia un doppione al suo fianco. Anche perché, detto in maniera chiara, non si ricordano brillanti intuizioni degli opinionisti. Quindi i tagli sono giusti, laddove sono oculati. Ma quando diventano penalizzanti appaiono assurdi. E poi quanto share avrebbe fatto Germania-Francia? A quanto si sarebbero venduti quegli spazi pubblicitari? Insomma, la Rai ci avrebbe guadagnato in termini economici (e non avrebbe subito un danno di immagine).

Pagare il canone per non vedere Germania – Francia…

Quindi si ritorno alle domande clou: perché pagare il canone Rai? Per non vedere neanche Germania-Francia?

La tassa, diciamolo, va pagata. Ma con tutta la comprensione del mondo e con tutto “l’antipopulismo” possibile, la scelta di non trasmettere tutti i quarti di finale risulta abbastanza suicida per un’azienda che già non vanta di grande credito popolare nel Paese. Ormai la frittata è cotta e tocca mangiarla, sperando in un futuro più roseo…

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...