Quanto è credibile la minaccia a Roma del califfo islamico

Pubblicato il da

Dall’Iraq le notizie non sono confortanti (qui un post per comprendere chi sono i protagonisti della guerra e qui per una sintesi dei fatti).

Il comandante del gruppo Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (Isis), Abu Bakr al-Baghdadi, si è autoproclamato califfo islamico dopo aver conquistato un’ampia porzione di territorio, in particolare le città irachene di Mosul, Fallujah e Ramadi e alcuni sobborghi di Aleppo in Siria.

La minaccia a Roma del califfo islamico

Il califfo al-Baghdadi, anche noto con il nome di Abu Du’a’, ha invitato i musulmani di tutto il mondo a unirsi alla guerra santa, il jihad, per arrivare alla conquista di Roma, il simbolo della cristianità. Il sogno, del resto, è quello “solito” degli estremisti: l’eliminazione di ogni altra fede.

Al momento la minaccia appare molto simbolica: Isis non ha ancora la forza militare ed economica per avviare una campagna di attentati in Occidente. Peraltro lo stesso al-Baghdadi non è riconosciuto da tutti come califfo nell’ambito dell’Islam radicale.

L’annuncio del leader di Isis non è stato commentato, almeno sino a oggi, dai vertici di Al Qaeda, in particolare dall’erede di Osama Bin Laden, il medico egiziano Ayman al-Zawahiri, rifugiato probabilmente nel Waziristan (tra Afghanistan e Pakistan). Anche gli analisti non hanno una precisa idea sulla possibile ri-saldatura tra le due organizzazioni, che si erano allontanate per divergenze politiche. Ma le vittorie sono sempre un ottimo collante.

L’allarme terrorismo a Roma

L’effetto-califfato può verificarsi sul piano mediatico, alimentando l’estremismo di singole persone o di piccoli gruppi. Il richiamo alle armi di Abu Bakr al-Baghdadi, insomma, può invogliare cellule qaediste in sonno oppure semplici esaltati a compiere azioni clamorose.

L’allarme terrorismo a Roma, come nelle altre capitali occidentali, è destinato a crescere nelle prossime settimane, di pari passo con il risalto ottenuto sui media dal comandante del gruppo in Iraq e sulla base dei rapporti con Al Qaeda, che vanta comunque una struttura in grado di elargire “finanziamenti” per azioni terroristiche.

Qui, infine, un’analisi approfondita su cosa sia un califfato.

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...