I dati sulla disoccupazione, la Nazionale e i problemi reali

Pubblicato il da

I conformisti dell’anticonformismo hanno gioito perché con l’eliminazione dell’Italia al Mondiale non ci sarebbe stata l’arma di distrazione di massa. Con il ritorno di Prandelli e Balotelli a casa, gli italiani avrebbero discusso dei problemi veri. Evviva. Ma, come capita spesso, i conformisti dell’anticonformismo tendono solo a cercare un po’ di luce social-mediatica.

La disoccupazione è un problema reale? (Diamo i numeri per capirlo…)

Insomma, con la Nazionale eliminata ci si sarebbe immaginato che si parlasse dei problemi reali: e qual è il problema più reale della disoccupazione? La mancanza di lavoro è un’autentica piaga sociale (per non tacere degli esodati, che al momento lasciamo in disparte). Così, giusto per fare informazione, riportiamo in estrema sintesi i dati dell’Istat in riferimento al mese di maggio.

Il numero di disoccupati, pari a 3 milioni 222 mila, aumenta dello 0,8% rispetto al mese precedente (+26 mila) e del 4,1% su base annua (+127 mila). Il tasso di disoccupazione è pari al 12,6%, in aumento di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,5 punti nei dodici mesi.I disoccupati tra i 15-24enni sono 700 mila.

Sarà anche che siamo assuefatti a queste cifre e quindi non ci stupiscono più di tanto o forse perché siamo abbindolati dalle performance mediatiche di “Super Matteo Renzi“, ma la reazione è quella dell’apatia. Il lavoro non c’è e osserviamo la cosa con disincanto, senza nemmeno arrabbiarci e chiedere al governo se stia davvero facendo tutto il possibile.

Ricordiamo del “Jobs Act” e della Garanzia Giovani

Il Paese reale, quello che ha i problemi reali e che tifa l’Italia al Mondiale, dovrebbe ricevere qualche risposta (magari con domande fatte dagli anticonformisti di cui sopra) sulla validità Jobs Act e sulla Garanzia Giovani, che rischia di tramutarsi in un flop. Sarà pur vero che è troppo presto per fare bilanci sull’azione del governo, ma è giusto ricordare che quel provvedimento assomiglia molto a uno spot, pure un po’ dannoso per i lavoratori, per dare la sensazione che qualcosa sia stato fatto contro la disoccupazione.

Fose i conformisti dell’anticonformismo sono troppo impegnati a scegliere la meta della vacanze per occuparsi di cose serie, mica come l’Italia al Mondiale.

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...