La multa che non arriva al sindaco Marino

Pubblicato il da

A Firenze zia e nipote muoiono abbattute da un albero, ma i controlli periodici del Comune dicevano che la pianta stava bene. Una tragedia doppia che lascia increduli, forse è solo sfortuna. Ma il dolore incredulo è uguale.

Nel frattempo,a proposito di Comuni, a Roma il sindaco Ignazio Marino si fa fotografare a piedi e in bicicletta sulla rampa della tangenziale est riaperta dopo cinque mesi per i lavori dovuti alle frane d’uno dei tanti temporali cui Roma non sa difendersi.

Per lo meno, visto che a piedi e in bicicletta non si può transitare su quella strada, dovrebbero multarlo. Contravvenzione bella in vista, aspettiamo di vederlo in fila, in qualche ufficio postale, a disperarsi come fanno i comuni mortali per i tempi d’attesa biblici necessari per effettuare qualsiasi tipo d’operazione. Chissà, magari scendere sulla terra, fra i comuni mortali, potrebbe fargli capire che era meglio restare in sala operatoria.

A ognuno il suo lavoro, please, che se nasci tondo non puoi morir quadrato. Un gioco di parole, un po’ come quello legato a Robben. Solo che lo scriviamo una volta sola, senza ripeterlo fino alla noia. Andiamo avanti, verso l’oblio, consapevoli che Ignazio nostro non sarà multato. Evviva, un’altra pallonata in faccia, in tempi di Mondiale, non la si nega a nessuno, figurarsi ai romani, tartassati comunque. C’è da ammetterlo, sempre in maniera chirurgica.

Questo articolo è stato pubblicato in Sfere - le opinioni e contrassegnato come , da Massimiliano Morelli . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Aggiornato alle ore 10:55
Massimiliano Morelli

Informazioni su Massimiliano Morelli

In giro si dice che sia sempre meglio fare il giornalista che lavorare ma lui, Massimiliano Morelli, preferisce fare il padre specie quando si guarda attorno e trova esaltati della comunicazione, miracolati della professione, colleghi che scrivono qual è con l'apostrofo convinti però d'essere la reincarnazione di Montanelli. Scrive di sport, dicono in maniera romanzata. Una volta per togliersi lo sfizio ha mandato a dieci testate altrettanti c.v. col suo nome, altri dieci simulando d'esser donna procace e altri dieci camuffando il cognome, fingendosi figlio d'un padre vecchia firma del giornalismo. Gli sono arrivate venti risposte per presentarsi su trenta. Peccato non sia donna procace né figlio di grande firma.
ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...