Hiv, 2 milioni gli adolescenti infettati dal virus

Nel mondo sono oltre 2 milioni i ragazzi con età tra i 10 e i 19 anni infettati dal virus Hiv. Questi dati preoccupanti sono stati rilevati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in occasione della giornata mondiale contro l’Aids.

La mortalità, infatti, è aumentata fino al 50% tra gli adolescenti appartenenti a questa fascia, spiega l’Oms, e questo è un dato nettamente in controtendenza se confrontato con tutti gli altri pazienti infetti, per i quali la mortalità, al contrario, è scesa fino al 30% nel periodo di riferimento 2005-2012.

Inoltre i ragazzi che appartengono a questa fascia d’età hanno “una minore probabilità degli adulti di fare il test e spesso serve loro un maggiore supporto per poter seguire regolarmente le terapie”, e oltre ai 2 milioni di ragazze e ragazzi sieropositivi sarà necessario fare i conti con milioni di giovani che non hanno ancora contratto il virus, ma che sono fortemente a rischio.

Secondo le nuove linee guida sull’assistenza, redatte dall’Oms in previsione delle celebrazioni della giornata mondiale, le fonti  più frequenti di contagio vanno dall’uso di siringhe utilizzate per le droghe fino agli abusi sessuali, per non parlare di tutti quei bambini nati da madri sieropositive che progressivamente arrivano all’età dell’adolescenza.

Serena Panacchia

Informazioni su Serena Panacchia

Nata nel 1990, amo la musica, amo cucinare, amo mangiare, amo leggere, ma soprattutto amo scrivere! Sto studiando per cercare di realizzare il mio sogno: riuscire a lavorare nell'ambito del giornalismo, ma ancora di più scrivere un libro.