La strage di Nassirya, 10 anni dopo

Pubblicato il da

Il caporal maggiore capo Mattia Piras poco dopo la strage

Alle 10:40 ora locale, le 08:40 in Italia, un camion cisterna pieno di esplosivo scoppiò davanti la base MSU (Multinational Specialized Unit) italiana dei Carabinieri, provocando l’esplosione del deposito munizioni della base. Si tratta della strage militare più grave dalla seconda guerra mondiale per le truppe italiane.

Dodici carabinieri della Msu (Multinational Specialized Unit) uccisi. Morti anche cinque militari dell’Esercito che facevano da scorta alla troupe del regista Stefano Rolla che si trovava a Nassiriya per girare uno sceneggiato. Della troupe morirono anche due civili. Alla macabra conta si aggiungono anche 9 iracheni e innumerevoli feriti.

Il caporal maggiore capo Mattia Piras, l’uomo ritratto nella foto simbolo della strage, oggi ha 34 anni. Da dieci è il simbolo vivente della strage di Nassirya. Il suo racconto a Il Giornale:

«Quella foto mi insegue da dieci anni. Quando l’hanno scattata non me ne sono neppure accorto. In quel momento avevo altri pensieri. Pensavo al tenente Massimo Ficuciello e al Maresciallo Silvio Olla. Erano i miei due compagni di scrivania dell’ufficio Pubblica Informazione. Quella mattina toccava a loro alzarsi presto e accompagnare ad “Animal House” il regista Stefano Rolla e il suo collega Aureliano Amedei quello che sopravvisse e fece il film delle Venti sigarette. Quando mi hanno scattato quella foto scrutavo il baratro e pensavo ai loro volti. Sapevo già che non li avrei più rivisti. Sapevo che erano stati inghiottiti, triturati da quell’inferno nero. In quel momento facevo i conti con la loro morte.»

CONTINUA SU IL GIORNALE

 


ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...