L’Olimpiade 2020 e il manovale a cinque cerchi

Pubblicato il da

Fra poco sapremo se l‘Olimpiade 2020 sarà organizzata dai giapponesi o dagli iberici. Fra poco sapremo, e allora intuiremo se Roma potrà riproporre la candidatura per il 2024. Beninteso, non è che se Tokyo 2020 diventerà realtà la città eterna automaticamente si candiderà. Servirà l’appoggio del governo, del Comune, della Provincia e della Regione. Servirà che i “capoccioni” riusciranno a mettersi d’accordo, altrimenti finirà a tarallucci e vino, pizza e mandolino, e saremo coperti di ridicolo come avvenne per la designazione dell’Europeo di calcio.

La testa dura sembra essere quella di Ignazio Marino, sindaco che pedala per arrampicarsi in Campidoglio ma che nicchia davanti all’ipotesi d’una Roma a cinque cerchi. Ha i suoi motivi, che magari snocciolerà nel momento in cui ci sarà da dire “si” o “no”. Certo è che i problemi, Marino a parte, non mancano.

Da noi c’è mancanza di impianti sportivi ma un’ampia gamma di tifosi imbecilli, gente che fischia i colored per partito preso e si porta le mozzarelle sugli spalti del Foro Italico per tirarle addosso ai tennisti; da noi c’è una crisi imperante e gente che arranca, pronta a sognare l’Olimpiade per lavorare pur con la consapevolezza che servirà la raccomandazione perfino per fare il volontario; da noi se la città si ferma per una maratona gli automobilisti vanno sull’orlo d’una crisi di nervi e manca davvero la cultura sportiva, basta dare un’occhiata alla stampa di settore per rendersi conto che ormai vale più un finto scoop che una notizia vera.

Tutta colpa di De Coubertin e del suo motto. Che poi l’aveva mutuato dal nipote e neanche era suo. Sì, era meglio che i Giochi l’inventasse un manovale e non un barone.

Questo articolo è stato pubblicato in Italia e contrassegnato come , , , da Massimiliano Morelli . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Aggiornato alle ore 8:51
Massimiliano Morelli

Informazioni su Massimiliano Morelli

In giro si dice che sia sempre meglio fare il giornalista che lavorare ma lui, Massimiliano Morelli, preferisce fare il padre specie quando si guarda attorno e trova esaltati della comunicazione, miracolati della professione, colleghi che scrivono qual è con l'apostrofo convinti però d'essere la reincarnazione di Montanelli. Scrive di sport, dicono in maniera romanzata. Una volta per togliersi lo sfizio ha mandato a dieci testate altrettanti c.v. col suo nome, altri dieci simulando d'esser donna procace e altri dieci camuffando il cognome, fingendosi figlio d'un padre vecchia firma del giornalismo. Gli sono arrivate venti risposte per presentarsi su trenta. Peccato non sia donna procace né figlio di grande firma.
ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...