Un partito per negazione

Pubblicato il da
Bandiera PD

Credits: Flickr pdemilia-romagna
http://www.flickr.com/photos/pd_er/

L’arroccamento come forma di sopravvivenza. Il Pd, attraverso il segretario Guglielmo Epifani, aveva annunciato la linea (suicida) della chiusura, nonostante gli avvertimenti piovuti dalla base elettorale: il congresso dovrebbe essere aperto per fornire una nuova energia a un partito sfibrato. Ora la discussione è stata cristallizzata, in attesa di capire come uscirne evitando ulteriori figuracce.

Dopo la “non vittoria” elettorale la “non formazione” del governo Bersani, i democratici sembrano pronti a scegliere la “non apertura” all’esterno. Proprio Bersani ha filosofeggiato : «Tutte le primarie sono aperte, ciascuno secondo la propria logica. Le primarie per il premier saranno aperte a chi si dichiara elettore del centrosinistra. Le primarie per il segretario devono essere aperte a chi aderisce al Pd”. Se la logica esiste, il congresso è solo per gli iscritti. Quindi sarebbe chiuso in una teca con etichetta “Pd”.

I democrat, insomma, assomigliano sempre più un partito che avanti per negazione della sua stessa identità. Negli ultimi mesi ha rinnegato se stesso, a partire dalle elezione del presidente della Repubblica per finire all’accettazione delle larghe intese. E ora, in tema di congresso, sta rinnegando le primarie: lo strumento collocato alla base della sue fondamenta (già traballanti); altrimenti non si sarebbe compresa la differenza rispetto alle esperienze politiche passate.

La direzione nazionale ha rivelato, o meglio confermato, che l’istinto di sopravvivenza di una dirigenza bocciata dalla storia (e dagli elettori) vuole riportare il centrosinistra indietro nel tempo. In un’epoca in cui i segretari venivano nominati in seguito a compromessi tra correnti, soppesando con il bilancino il numero di tessere portate all’ovile. Nell’anno di grazia 2013, la politica è qualcosa di diverso. E, se l’obiettivo è la vittoria alle elezioni, non si può fingere che la questione non sia così. Se poi l’intento è la coltivazione del proprio orticello, allora si parla di altro. Ma non di Partito democratico.

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...