Inizia la 22esima edizione della Deaflympic

Pubblicato il da

Comincia la Deaflympic numero 22: a Sofia è in programma a partire da oggi l’Olimpiade dei non udenti, evento clou che che raduna atleti sordi provenienti da ogni angolo del pianeta.

Si gareggia in Bulgaria, Paese che sostituisce la Grecia, costretta a ritirarsi dalla fase organizzativa per le note vicissitudini economiche, la crisi si fa sentire a tutti i livelli e in tutti gli ambiti. Portabandiera degli Azzurri il venticinquenne fiorentino Luca Germano, che a Taipei nel 2009 conquistò 3 medaglie d’oro (100 e 400 stile libero e 200 farfalla), due d’argento (200 stile libero e 100 farfalla) e una di bronzo (50 farfalla). La cerimonia d’apertura è prevista alle 19 nella Arena Armeets Sports Hall, un palasport multifunzionale posizionato nell’“Asen Yordanov Boulevard” della capitale.

Da parte della delegazione azzurra, presente con 106 rappresentanti fra atleti, dirigenti e medici, c’è la volontà di bissare il successo di Taipei (14 medaglie) e di rafforzare il medagliere totale. Finora nelle varie edizioni delle Deaflympics estive, sono stati incamerati 137 ori, 100 argenti e 121 bronzi.

Questo articolo è stato pubblicato in Italia e contrassegnato come , , , da Massimiliano Morelli . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Aggiornato alle ore 11:01
Massimiliano Morelli

Informazioni su Massimiliano Morelli

In giro si dice che sia sempre meglio fare il giornalista che lavorare ma lui, Massimiliano Morelli, preferisce fare il padre specie quando si guarda attorno e trova esaltati della comunicazione, miracolati della professione, colleghi che scrivono qual è con l'apostrofo convinti però d'essere la reincarnazione di Montanelli. Scrive di sport, dicono in maniera romanzata. Una volta per togliersi lo sfizio ha mandato a dieci testate altrettanti c.v. col suo nome, altri dieci simulando d'esser donna procace e altri dieci camuffando il cognome, fingendosi figlio d'un padre vecchia firma del giornalismo. Gli sono arrivate venti risposte per presentarsi su trenta. Peccato non sia donna procace né figlio di grande firma.
ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...