La base prova a riprendersi il Pd

Pubblicato il da
Bandiera PD

Credits: Flickr pdemilia-romagna
http://www.flickr.com/photos/pd_er/

Un Partito democratico diverso, meno titubante e più vicino alla base elettorale. L’assemblea “Insieme riprendiamoci il Pd” si pone questo ambizioso obiettivo, che si rivela una stretta necessità per garantire vitalità al centrosinistra in vista del prossimo congresso. L’incontro è in programma per sabato 22 giugno, in Largo del Nazareno, presso la sede del partito, dalle ore 10.30 alle 16.15. La discussione non  matura in modo casuale: a distanza di mesi dal disastro sull’elezione del Presidente della Repubblica, e nonostante il risultato delle Amministrative, tra i democratici serpeggia il malumore con scontri personali e visioni completamente opposte.

«Gli organizzatori dell’evento sono convinti che occorra una nuova fase costituente del Pd e che questa debba passare per il Congresso, come tappa di un cambiamento reale e inizio di una fase politica che rompa con quanto è avvenuto finora e sia un riferimento per l’intero centrosinistra», spiega il coordinatore nazionale di insieme per il PD, Giuseppe Rotondo. «Ci si può riuscire partendo dalle difficoltà (dalla mancata attuazione dello Statuto del PD), dai malesseri che devono trovare una risposta e dalle idee che possono permettere di costruire un partito e un centrosinistra in grado di proporsi agli elettori e vincere», aggiunge.

La manifestazione, promossa sui social network, si annuncia gremita: sono numerose le adesione giunte sull’apposita pagina Facebook, vista la partecipazione di quelle realtà che da mesi sono in movimento per cambiare la rotta del partito. I più famoso sono i ragazzi di #occupypd, ma ci sono anche gli esponenti di Open PD Adesso!, FuturDemBigBang NetDem.

Tra i relatori figurano anchecome Sandro Gozi, Michela Marzano, Sandra Zampa, Stefano Boeri. Personalità che da mesi hanno assunto una posizione critica nei confronti della classe dirigente “storica”. All’assemblea, infine, aderiranno Pippo Civati, Gianni Pittella, Laura Puppato, Walter Tocci, Patrizia Prestipino e Gennaro Migliore (Sel).

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...