Chi sono i ministri del governo Letta

Pubblicato il da

Moriva a Roma 76 anni fa Antonio Gramsci, che non è solo uno dei maestri del Partito Comunista, ma è anche uno dei maggiori intellettuali italiani. È quello che diceva di fuggire le soluzioni che ci sembrano facili e perseguire le più difficili, seppure con i sacrifici; perché gli espedienti di ventre che qualcun altro ci propone sono sempre un inganno di chi vuole affermare il suo potere su di noi. Se il fine della società è il bene comune quanto hanno imparato gli italiani da chi è morto per questi ideali?

Questa è la nostra situazione, ed è un fatto oggettivo. Bersani si dimette tra le lacrime, Vendola dichiara apertamente di schierarsi all’opposizione; Berlusconi che da anni domina la scena politica; il M5S che si chiude in se stesso e per non creare una crisi d’altri tempi Napolitano si scorda la pensione ed è costretto ad accettare il secondo mandato.

In questo contesto si inserisce il governo Letta, con Alfano vice. Già è una contraddizione, quella di Enrico con lo zio, Gianni. Un miscuglio di Pd e Pdl. Ma non ci interessano le parentele, vediamo la sostanza. Un governo nominato oggi finalmente: sette donne, ricambio di nomi. Ma che la novità sia solo per la prima donna di colore al ministero dell’ Integrazione o per la prima medaglia olimpica a quello delle Pari Opportunità?

Il ministero dell’Economia è di Saccomanni, bocconiano, braccio destro di Draghi alla Banca Centrale Europea, direttore generale della Banca d’Italia. Volto noto ma non nuovo insomma.

I montiani non demordono, con la Cancellieri riconfermata alla Giustizia, Moavero per il ministero degli Affari Europei e Patroni Griffi a quello della Semplificazione.

New entry finalmente per l’istruzione, sotto la guida di Maria Chiara Carrozza che appena entrata in Parlamento, inaugurando buoni propositi per un paese che non investe nella cultura, aveva dichiarato: “Stravolgerò scuola, università e ricerca”.

Poi si rimettono le mani in pasta ai dieci saggi nominati da Napolitano: Quagliarello per gli Affari Costituzionali e Mauro per la Difesa. Altro saggio: Giovannini, spedito dalla direzione generale dell’Istat a quella del ministero del Lavoro. Un dato da constatare c’è: siamo sicuri che abbia coscienza del livello di disoccupazione del paese, che ha raggiunto i 2 milioni 744 mila.

Affinchè non si possa dire che la rete non abbia avuto parte in causa e che il M5S non ha visto nominato nessun candidato, un nome caro ai cyber-utenti e ai grillini c’è, ed è quello della Bonino, agli Esteri però.

Sfugge il legame della De Girolamo al ministero dell’Agricoltura e quello della Lorenzin alla Sanità, visto che non è confermato né il pollice verde della prima, né la laurea in medicina, o per lo meno qualche esperienza in campo della seconda.

Insomma il nuovo governo è un mix di Pd, Pdl e Scelta Civica. Sel e M5S tagliati fuori. I volti nuovi ci sono, ma forse non bastano. E che dire delle storielle su Gramsci e sul bene pubblico? Forse non resta che appellarci al cielo.

Questo articolo è stato pubblicato in Sfere - le opinioni e contrassegnato come , , da Noemi Debbi . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Aggiornato alle ore 8:46
Noemi Debbi

Informazioni su Noemi Debbi

Nata, cresciuta e pasciuta. Diplomatasi al liceo classico, con tante domande si iscrive a Filosofia per avere risposte. Ottiene in cambio ulteriori domande, così decide di prendere la realtà per il bavero e di ottenerle con la forza. E' iperattiva, si interessa di filosofia del linguaggio, di filosofia politica, e di comunicazione politica. Ama il teatro per essere uno specchio, un passaggio verso un'altra realtà in cui può purificarsi . La frase che meglio la rappresenta è " Nuvole sparse qua e là, bel tempo altrove. Serena, variabile".
ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...