Civati: “Altro che dissidente, io seguo la linea del Pd”

Pubblicato il da

Pippo Civati

La fiducia al governo potrebbe arrivare solo per “rispetto a Giorgio Napolitano”, ma nel Pd la discussione non è archiviata: una decisione sarà presa dopo la riunione del gruppo. Partendo dal fatto che al momento resta il “no” al governissimo. Pippo Civati, a Sfera pubblica, spiega la sua posizione a poche ore dal voto in Parlamento e al termine di una settimana molto tesa in cui si sono paventate espulsioni per i cosiddetti dissidenti. Anche se “io seguo la linea del partito di qualche settimana fa”, annota il parlamentare dei democratici.

Il governo avrà il suo voto di fiducia?
“Per ora non la voto. Domani discuteremo con il gruppo, sarà la prima occasione utile. Chiariremo le posizioni che ci sono e prenderemo una decisione insieme. Se la voto è per rispetto del Capo dello Stato che altrimenti si dimetterebbe e rimanere nel Pd per dire le stesse cose”.

Cosa cambia questa battaglia in ottica congressuale? La tua candidatura resta?
“Mi sono candidato in tempi non sospetti. Certo, non sospettavo che andasse a finire così. Sono gli altri che si sono messi nelle condizioni di doversi dimettere e spiegare come mai non hanno votato Prodi. Rilevo che in questo governo ci sono parecchie persone della classe dirigente di questo partito, nonostante le dimissioni a catena”.

Che ne pensa della composizione di questo governo?
“Mi sembra ci siano persone perbene ma non tutte collocate nel settore di competenza. Ci sono tanti giovani, ma quello di Berlusconi era più giovane. Anche gli slogan lasciano il tempo che trovano. Possono sembrare mosse opportune ma non definitive sotto il punto di vista politico. Si attendeva una risposta, indipendentemente dalla qualità”.

Quale scenario si apre in futuro per il Pd con la più che possibile candidatura di Renzi?
“Il candidato premier mi sembra sia Enrico Letta, visto che chiede la fiducia domani. Se poi pensiamo al prossimo premier, la dice lunga. Renzi ha scelto di sostenere Letta, che se farà bene sarà il candidato del Pd per le prossime elezioni”.

È pentito di aver sostenuto Bersani alle primarie?
“Perché dovrei? Sia Bersani che Renzi sono favorevoli al governo Letta. Se ci fosse una sostanziale differenza…”

Teme l’espulsione nel caso non votasse la fiducia?
“Io seguo la linea del Pd di qualche settimana fa. Certe parole sono solo follie di questi giorni. Ci sono alcuni che sono un po’ più “maneschi”, ma sarebbe meglio cercare il dialogo…”.

Twitter: @SteI

  • Damiano Sergi

    Sono d’accordo.Sono anche d’accordo a smetterla di dare fondi alle università private ed ecclesiastiche,cosi come agli ospedali che non siano pubblici.

  • elly

    CHI DI VOI ANCORA NON CONOSCE WHOOMING? UN SERVIZIO
    TOTALMENTE GRATUITO CHE PERMETTE DI INDIVIDUARE IL NUMERO DELLA PERSONA CHE CI
    CHIAMA CON LO SCONOSCIUTO!!!! BASTA UNA REGISTRAZIONE QUI: http://www.whooming.com

  • axl dorazio

    Caro Antonio, l’ho sempre stimata come persona perché lei è un’uomo onesto, un uomo del popolo, anche quando gli altri l’attaccavano per il suo modo di parlare e per l’affare delle case intestate. Sapevo che ne sarebbe uscito a testa alta e sono stato orgoglioso di sapere che a causa dei suoi candidati disonesti non si era più presentato alle elezioni. Mi ha dimostrato con quel gesto di essere un politico vero, con una sola parola nel vocabolario. Onestà. I miei voti per lei non sono mai stati buttati. Vorrei farle una domanda: ha mai pensato ad una collaborazione con il Movimento 5 Stelle? Fondamentalmente lei ha lo stesso ideale e filosofia politica, vuole i condannati fuori dai palazzi, vuole più trasparenza nel mercato e più rigore per i “furbetti” in giacca e cravatta… Lei è più 5stelle che piddino, perché non passa con noi? Un saluto affettuoso.

  • Claudio Dadomo

    CIWATI….ma vai a ca g…….re…..non continuare a ciarlare a vanvera….tira fuori i coglioni o stai zitto….il tuo trucco di finta opposizione interna x frenare voti che scapperebbero l’abbiamo scopero…..

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...