Il messaggio di Obama sul Medio Oriente

Pubblicato il da

Barack Obama

‘I palestinesi si meritano un proprio Stato’: lo ha affermato il presidente degli Stati Uniti Obama, in visita a Ramallah. Obama ha evidenziato che gli Usa ‘restano impegnati alla visione dei ‘due Stati” che garantisca ‘la sovranità ai palestinesi e la sicurezza agli israeliani‘ evidenziando che lo Stato palestinese deve essere ‘indipendente, in grado di sostenersi, dotato di contiguità territoriale, accanto allo Stato di Israele’.

“Oggi voglio dirvi, in particolare ai giovani, che fino a quando ci sono gli Stati Uniti d’America, ‘Ah-tem lo lah-vahad’, non siete soli!” ha gridato in seguito Obama all’Università di Gerusalemme rivolgendosi agli israeliani. E’ seguito un boato e un fragoroso applauso dei presenti.”Il popolo palestinese ha il diritto all’autodeterminazione e anche la giustizia deve essere riconosciuta.Mettetevi nelle loro scarpe, guardate il mondo con i loro occhi” ha aggiunto a Gerusalemme Obama.

‘E’ giunto il momento per il mondo arabo di fare passi avanti verso la normalizzazione delle relazioni con Israele’. La pace “è necessaria” ed è la “sola strada verso una vera sicurezza”.

Ma i territori palestinesi, a differenza di Israele che è soddisfatta delle rassicurazioni date dal presidente americano,non hanno gradito la visita che il 20 Marzo Barack Obama, per la prima volta, ha fatto ad Israele.

Centinaia di palestinesi infatti, si sono radunati in una centralissima piazza di Ramallah, in Cisgiordania, per contestare la visita di Barack Obama. I manifestanti, circa 300 secondo l’agenzia palestinese Maan, avevano le scarpe in mano e le agitavano per esprimere il loro dissenso come è costume nel mondo arabo e islamico. La folla ha scandito slogan anti-americani come “Obama, smetti di appoggiare i crimini di guerra israeliani”, “Usa-Israele-Gb, il triangolo del terrorismo”. La polizia palestinese ha bloccato la strada che conduce dalla piazza al-Manara fino al complesso della Muqata, dove erano riuniti il presidente americano e il collega dell’Anp, Abu Mazen. Secondo l’agenzia Maan, ci sono state risse tra poliziottti e alcuni manifestanti e sul posto sono stati inviati agenti di rinforzo.

In oltre, quattro razzi sono stati sparati da Gaza verso il Neghev israeliano, proprio mentre il Presidente degli Stati Uniti inizia il suo secondo giorno di visita nella regione.

“Uno dei razzi è esploso nel cortile di una casa a Sderot, provocando alcuni danni. Il secondo è esploso in un campo”, ha detto il portavoce della polizia locale, Micky Rosenfeld. Altri due razzi, secondo quanto si è appreso dalla radio militare, sono caduti all’interno del territorio palestinese.
Non ci sono state vittime oltre a danni materiali.

Il presidente Palestinese Abu Mazen comunque, ha condannato le violenze contro i civili, inclusi i lanci di razzi dalla striscia di Gaza. “Condanniamo le violenze contro i civili, da qualunque fonte provengano, inclusi i lanci di razzi”, ha detto Nemer Hamamd, consigliere politico di Abu Mazen, che più tardi si è detto ”convinto” che il presidente Usa, Barack Obama, e il segretario di Stato americano, John Kerry, sapranno ”eliminare tutti gli ostacoli nel cammino verso la pace”. Il presidente Abu Mazen ha anche aggiunto: ”Il popolo palestinese chiede libertà e pace e spera di poter condurre una vita normale in terra palestinese con i confini del 1967 e con Gerusalemme est come sua capitale. Siamo convinti – ha aggiunto – che la pace richieda coraggio politico. La pace non può essere raggiunta attraverso la violenza”.

Obama invece, in risposta al lancio dei razzi ha affermato: “Condanniamo questa violazione di un importante cessate il fuoco che protegge gli israeliani come i palestinesi”, ha detto riferendosi al cessate il fuoco raggiunto tra le parti, con la mediazione egiziana, che ha messo fine all’operazione israeliana “Colonna di Nuvola” (anche detta Operazione Pilastro di difesa, è il nome in codice della campagna militare iniziata il 14 novembre2012dalle Forze di Difesa Israelianecontro i militanti di Hamase del Movimento per il Jihad Islamico in Palestina,spesso sinteticamente definito Jihad Islamico Palestinese, come rappresaglia per il loro lancio di razzi dalla Striscia di Gazaverso il sud , Sderot,Beersheva,e il centro di Israele, Tel Aviv,Gerusalemme),su Gaza e al lancio di razzi su Israele dalla Striscia.

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...