La politica sul web in campagna elettorale

Pubblicato il da

Gli italiani e il Web; la politica e il Web, maneggiare con cura. “Twitter è irritante in modo indicibile. Articolare un parere in 140 caratteri è come scrivere un romanzo senza usare le P”, parola dello scrittore americano J.Franzen che probabilmente non aveva capito le dinamiche del social network, dato che nel giro di poche ore migliaia di utenti gli inveivano contro attraverso l’ hashtag “jonathanfranzesenhates”.

Negli USA, per rimanere in tema, recenti studi della University of California hanno mostrato che l’influenza dei social media ha indotto nelle ultime elezioni i giovani elettori ad andare a votare e che per ogni post con scritto “I VOTED”, altre 4 persone erano incoraggiate a partecipare. Un altro dato su cui riflettere è che i candidati che sono più frequentemente citati nei social network arrivano alla vittoria il 75% delle volte. Pensate che il celebre cinguettio di Obama (quello in cui abbraccia la first lady, chi non lo conosce?), ha prodotto dopo appena cinque ore 538.167 re-tweet.

In Italia non funziona. O per lo meno non funziona in politica e per i partiti tradizionali.Il presidente degli USA conta 34.939.609 mi piace su fb mentreBersani ne ha raccattati solo 103.631, contro i 474.762 di Berlusconi.

Non c’è due senza tre. La terza B è BelenRodriguez, con 2.122.042; paradossalmente se la “batte” lei con Mr.Obama.

Perché? I motivi sono molti, a partire dal basilare accesso  Internet, che nel 2010 in Italia era di appena del 54%, contro l’85% dell’Inghilterra. C’è poi chi sostiene che nel sistema politico italiano i partiti sono finanziati in primo luogo dallo Stato: questo, assieme ai tetti per le spese elettorali, scoraggia ad esempio il ricorso a Internet per attrarre finanziamenti privati. E non solo: mentre in ambito anglosassone la Rete è concepita anche come opportunità per arrivare direttamente agli elettori, saltando in questo modo la mediazione dei giornalisti e dei grandi organi di informazione, in Italia questo obiettivo è meno sentito. Per il Belpaese si parla di un vero e proprio ritardo nell’uso del web 2.0.

E poi non manca il substrato culturale. In Italia non ci sono ancora iniziative simili all’open camera, o tentativi da pare dei partiti di istituzionalizzare il web dandogli l’investitura della tracciabilità, riportando on-line le riunioni, le proposte, le decisioni; che tutto questo sia visto come eversivo? Sarebbe un peccato di tracotanza di politici che non ascoltano le nuove istanze. La politica è dialogo, è interazione. Bisogna traghettare i contenuti nella forma adeguata, prendendo atto che il vecchio sistema società/partito, istituzioni/governo è scomparso e che si è generato dalle sue ceneri un nuovo tipo di partecipazione in cerca degli aggettivi ospitale e trasparente” riferiti a un partito non solo vetrinizzato in uno schermo tv ma che sia una stella danzante del territorio come del web. E’ questo quello che chiede oggi il popolo di Internet, quello che chiede l’Italia.

Questo articolo è stato pubblicato in Comunicazione e contrassegnato come , , , , da Noemi Debbi . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Aggiornato alle ore 14:08
Noemi Debbi

Informazioni su Noemi Debbi

Nata, cresciuta e pasciuta. Diplomatasi al liceo classico, con tante domande si iscrive a Filosofia per avere risposte. Ottiene in cambio ulteriori domande, così decide di prendere la realtà per il bavero e di ottenerle con la forza. E' iperattiva, si interessa di filosofia del linguaggio, di filosofia politica, e di comunicazione politica. Ama il teatro per essere uno specchio, un passaggio verso un'altra realtà in cui può purificarsi . La frase che meglio la rappresenta è " Nuvole sparse qua e là, bel tempo altrove. Serena, variabile".
ipse dixit

“Tu devi anche pensare a quelli che le cose le sanno, non solo a quegli altri”.  

Massimo D’Alema a Matteo Renzi
fundraising-960x539
13 ottobre 2014 | I partiti possono combattere difficoltà finanziarie e crisi di partecipazione con il fundraising politico? Ne discutono martedì 14 ottobre a Roma Partito Democratico...