Davvero il Movimento 5 Stelle scende nei sondaggi?

Pubblicato il da

Beppe Grillo

Beppe Grillo in calo, il Movimento 5 Stelle in caduta libera e via discorrendo. Gli ultimi titoli di giornali sembrano decretare la fine del fenomeno M5S, che solo qualche mese fa è stato il primo partito alle Regionali in Sicilia. Ma si tratta del remake di un vecchio film: appena svanisce l’effetto-attenzione intorno al leader del Movimento, i sondaggi parlano di una presunta flessione di consensi verso la creatura politica che il comico ha cresciuto e allevato a “pane e Internet”. La realtà appare, però, diversa: Grillo ha “abbandonato” le prime pagine dei quotidiani ad altri personaggi politici, ma lui prosegue la battaglia sul blog. Come prima, più di prima. E quantomeno con gli stessi risultati (di voto).

Visibilità. La questione è tutta legata alla visibilità dei media mainstream. I rilevamenti seguono più la “percezione” che la realtà. C’è stata una fase in cui il M5S sembrava fosse quasi al 25%, mentre ora è segnalato a circa la metà. Un tracollo talmente repentino che non troverebbe alcuna spiegazione logica, nemmeno con le epurazioni dei dissidenti Favia e Salsi. L’unica motivazione plausibile è che l’attenzione mediatica si concentra maggiormente sul rumore del momento di un fenomeno politico (in questo frangente è molto di moda il montismo) senza concentrarsi sulla sostanza.

Analisi Grillo. Il Movimento 5 Stelle è troppo spesso analizzato con uno schema non adeguato, ossia con un approccio di pensiero “vecchio”. La diffusione del consenso sul web è un fenomeno nuovo nella politica: serve perciò una visione diversa rispetto al passato. L’immaterialità del M5S è un tratto che non concerne solo la struttura partitica (di fatto non esiste una sede fisica) ma è anche relativo al consenso di cui gode la creatura di Grillo. Insomma, è difficile catalogare gli elettori del M5S. Che, indipendentemente da quanto dicono i sondaggi, si candida a essere il vincitore (almeno morale) delle prossime elezioni. Probabilmente sconfiggendo anche i sondaggisti.

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...