Roma, in archivio il Festival del Film. Tutti i vincitori

Pubblicato il da

Il logo della manifestazione

di Josuè V. Serrano

Si è appena concluso il settimo Festival del Cinema a Roma, una settimana piena di emozioni, gioie e riflessioni. 

Le linee di concorso del Festival erano tre; Concorso Internazionale, CinemaXXI e Prospettive Italia. Le giurie invece quattro(hanno avuto una particolare attenzione ai film di debutto e alle opere seconde, giudicate da un’apposita giuria).

Il principe dei nuovi registi indipendenti americani, Jeff Nichols, ha presieduto la giuria del Concorso Internazionale, giudicando vincitore “Marfa girl”assegnando cosi il Marc’Aurelio d’Oro all’opera del regista Larry Clark. E inoltre; Premio per la migliore regia a Paolo Franchi per “E la chiamano estate”, Premio Speciale della Giuria a Claudio Giovannesi con “Alì ha gli occhi azzurri”, Premio per la migliore interpretazione maschile a Jérémie Elkaïm per “Main dans la main”, Premio per la migliore interpretazione femminile a Isabella Ferrari per “E la chiamano estate”, Premio a un giovane attore o attrice emergente a Marilyne Fontaine per “Un enfant de toi”, Premio per il migliore contributo tecnico a Arnau Valls Colomer per la fotografia di “Mai morire”, Premio per la migliore sceneggiatura a Noah Harpster e Micah Fitzerman-Blue per “The Motel Life”.

Il grande artista e cine-videasta scozzese Douglas Gordon, è stato presidente della giuria del Concorso CinemaXXI e ha dato come vincitore “Avanti popolo” del brasiliano Michael Wahrmann. E in più; Premio Speciale della Giuria – CinemaXXI (riservato ai lungometraggi) a “Picas” di Laila Pakalnina, Premio CinemaXXI Cortometraggi e Mediometraggi a “Panihida” di Ana-Felicia Scutelnicu.

Il regista e sceneggiatore Francesco Bruni era alla testa della giuria del Concorso Prospettive Italia, ha giudicato come vincitore “Cosimo e Nicole”, lungometraggio di Francesco Amato. E inoltre; Premio Prospettive per il migliore Documentario “Pezzi” di Luca Ferrari, Premio Prospettive per il migliore Cortometraggio “Il gatto del Maine” di Antonello Schioppa e ci sono menzioni speciali a Cosimo Cinieri e in memoria di Anna Orso per “La prima legge di Newton”.

La giuria presieduta dal celebre attore e regista Matthew Modine, alla quale faceva parte per l’assegnazione del Premio Opera prima e Seconda, consegna questo premio al film “Ali ha gli occhi azzurri” di Claudio Giovannesi e la giuria fa anche una menzione speciale a “Razzabastarda” di Alessandro Gassman.

Oltre a questi premi, è stato asseganto il Premio del Pubblico BNL, per il miglior film( attraverso un sistema elettronico, il Festival ha previsto la partecipazione degli spettatori all’assegnazione del Premio del Pubblico BNL per il miglior film).

Il pubblico ha giudicato il premio come miglior film “The Motel Life di Gabriel Polsky” di Alan Polsky.

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...