Voto anticipato, tentazione unica

Pubblicato il da

Stefano Fassina

Elezioni in autunno. La presa di posizione di Stefano Fassina ha scosso il Partito democratico, da sempre schierato a sostegno del governo dei tecnici. La prospettiva del responsabile Economia del Pd prevede un’accelerazione verso il ritorno alle urne, ribaltando anche una consolidata tradizione italiana: il voto in primavera. Il dirigente democrat, spesso critico con il presidente del Consiglio, ha spezzato la coltre di “finta quiete” che ha caratterizzato il periodo post Amministrative. Fassina si è dunque posto in testa alla frangia di democratici che chiedono un’inversione di tendenza rispetto all’immagine di un partito concentrato sulla “responsabilità” che fa rima con “lealtà” al professore insediato a Palazzo Chigi.

Legittimazione. Il principio chiave è la legittimazione di un esecutivo attraverso l’investitura popolare. La tentazione di Fassina, supportata da altri dirigenti come Matteo Orfini, è un perfetto indicatore delll’aumento degli appetiti per la soluzione della crisi “da sinistra”, ossia con politiche concentrate più sullo sviluppo e meno sul rigore. Un governo di centrosinistra, che secondo i sondaggi del momento appare l’unica soluzione plausibile, avrebbe difatti un approccio diverso anche nei confonrti dell’Unione europea e all’asse con il presidente francese Holande.

Popolarità. Inoltre l’idea fassiniana intercetta il crescente malcontento nei confronti del governo. Il responsabile Economia disegna uno scenario in cui è preferibile ascoltare la base elettorale rispetto al rigoroso impegno istituzionale assunto con il Presidente della Repubblica. E che prevede l’appoggio incondizionato all’esperimento delle larghe intese. Insomma, un Pd più “pop” e meno razionale.

Questo articolo è stato pubblicato in Italia e contrassegnato come , , , , da Stefano Iannaccone . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Aggiornato alle ore 12:27
Stefano Iannaccone

Informazioni su Stefano Iannaccone

E’ nato pessimista nell’81, ma non si sa ancora bene di quale Secolo. Al momento dimostra circa 150 anni, qualcuno in meno dell’Italia unita. Gli altri dicono che sia giornalista, lui non lo sa ma continua a scrivere. Tra un raffreddore e l’altro ha pubblicato un romanzo intitolato ‘Andrà tutto bene’. Il suo amore si chiama Sfera pubblica. Twitter: @SteI
ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...