Non avevo capito niente, la brillantezza di un avvocato (e di De Silva)

Pubblicato il da

La copertina di 'Non avevo capito niente'

L’inizio delle “straordinarie” avventure dell’avvocato-mezzo-disoccupato Vincenzo Malinconico. Non avevo capito niente è il primo libro di Diego De Silva che vede al centro della narrazione uno dei personaggi più riusciti del panorama editoriale contemporaneo. Il protagonista è il perfetto esempio di un filosofo della quotidianità, capace di perdersi in lunghe, quanto brillanti digressioni. E in ogni singola parola troneggia un’ironia irresistibile, tanto da tracimare in una “comicità intelligente”. La lettura risuta trascinante proprio per l’interesse che suscitanto le intuizioni del protagonista.

La storia. Malinconico è un avvocato che frequenta il Tribunale in maniera un po’ spaesata, non essendo propriamente un Principe del foro. Ma il vero problema non è il lavoro, bensì la vita sentimentale visto che la moglie Nives lo ha lasciato per un uomo “grigio”. Un’idea insopportabile per il vivace Malinconico, a tratti figura pregnante dell’adulto colto dalla sindrome di Peter Pan. De Silva tiene alta l’intensità della narrazione con uno stile eccezionale, che non registra mai flessioni nella brillantezza. Il romanzo è un condensato di qualità nella scrittura, che rende fenomenale una trama ‘normale’.

 

ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...