Ministri in cerca di leadership

Pubblicato il da

Giuramento del 16 novembre 2011

La manovra “indigesta” è stata già metabolizzata. Il presidente del Consiglio, dunque, potrebbe addirittura optare per la “discesa in campo” in piena regola, sfruttando con un vantaggio: aver salvato l’Italia dall’assalto ai titoli di Stato evitando il precipizio del default. Un’immagine da vincente che potrebbe avere un forte appeal su un elettorato sempre più deluso dai partiti, ormai logorati da quasi venti anni di scontri che hanno portato il Paese a un passo dal baratro. Tuttavia, Monti sembra il candidato ideale per il Quirinale, appena finirà il mandato di Napolitano. Pertanto potrebbe declinare l’offerta di correre per Palazzo Chigi. I primi aspiranti al ruolo “montiano” sono così l’ex manager di Banca Intesa, Corrado Passera e il fondatore della Comunità di Sant’Egidio, Andrea Riccardi.

Eredità. Il ministro dello Sviluppo ha il delicato ruolo di rilanciare il sistema economico in un momento di crisi acuta. L’annuncio di un provvedimento al mese per risollevare le sorti del Paese rientra in una strategia di comunicazione per configurarsi come un esponente dotato di competenza in materia di economia. L’obiettivo è di proporsi come un Monti più giovane, che vanta una carriera da manager “vincente”.

Centrismo. Andrea Riccardi è a capo del Ministero della Cooperazione: uno strumento adatto per valorizzare il suo ruolo di moderato, vicinissimo ai valori cattolici. Il fondatore della Comunità di Sant’Egidio, tuttavia, ha opacizzato la propria immagine dialogante dopo l’attacco al comportamento di Alfano. Il progetto per un’eventuale leadership passa quindi per una rivoluzione del quadro politico italiano con l’esplosione di Pd e Pdl.

Questo articolo è stato pubblicato in Italia e contrassegnato come , , , da Stefano Iannaccone . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Aggiornato alle ore 9:39
Stefano Iannaccone

Informazioni su Stefano Iannaccone

E’ nato pessimista nell’81, ma non si sa ancora bene di quale Secolo. Al momento dimostra circa 150 anni, qualcuno in meno dell’Italia unita. Gli altri dicono che sia giornalista, lui non lo sa ma continua a scrivere. Tra un raffreddore e l’altro ha pubblicato un romanzo intitolato ‘Andrà tutto bene’. Il suo amore si chiama Sfera pubblica. Twitter: @SteI
ipse dixit

Alfano parla di carcere per chi sceglie l’utero in affitto. Ma il ministro lo sa che in Italia questa pratica è già vietata dalla legge 40? continua

Monica Cirinnà, relatrice del ddl sulle unioni civili
21 aprile 2015 | Giovedì 23 aprile – ore 18,00 Libreria Ibs Via Nazionale, 254 – Roma Presentazione del libro “Il Creasogni” di Simone...